RICORSO ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA- Risposta UE

La UE ha inviato (dicembre 2015) una lettera al capofila della nostra (ATDAL) denuncia in tema di pensioni, denuncia avviata nel 2013.
Qui trovate la lettera ricevuta dalla UE nella quale ci informano dell’apertura di un procedimento di infrazione nel riguardi dell’Italia. Purtroppo, come già nelle precedenti comunicazioni, la nostra denuncia è stata notevolmente ridimensionata. Noi ponevamo il problema della discriminazione generale che, grazie alle riforme previdenziali approvate in Italia (in particolare la Riforma Fornero), negavano l’accesso alla pensione a lavoratori privati del lavoro in prossimità della maturazione del diritto. Tutto questo mentre altri lavoratori avevano potuto accedere alla pensione grazie ad accordi derivanti da crisi aziendali con relativa espulsione di molti dipendenti. Inoltre nella nostra denuncia si parlava della discriminazione nelle offerte di lavoro, un aspetto che, per quanto da noi ampiamente documentato, non è stato assolutamente considerato da parte dell’UE. In definitiva, l’unico punto sul quale l’UE ha concentrato la sua attenzione e aperto la procedura di infrazione riguarda il trattamento discriminante nell’accesso alla pensione delle donne rispetto agli uomini. Si può dire che la burocrazia europea ha partorito il solito topolino, di fronte ad una denuncia dai contenuti molto ampi e riguardante centinaia di migliaia di cittadini italiani ha estrapolato un punto molto limitato circoscritto. Forse era difficile credere in una iniziativa più radicale se si pensa che le riforme previdenziali nel nostro paese sono anche derivate dalle continue pressioni fatte dalla Commissione Europea del tutto indifferente rispetto ai danni collaterali che tali riforme hanno prodotto lasciando molti cittadini disoccupati del tutto privi di reddito e impossibilitati a ricollocarsi in ragione dell’età.

 

Trovate qui i documenti e gli articoli correlati e pubblicati nel sito :

Atto di denuncia

AIUTATECI A DIFFONDERE

PRESENTATO RICORSO ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

 

Articoli Correlati

Tags

Condividi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *