A scuola da Conchita, nuova intervista ad una neo imprenditrice

Conchita Salas, spagnola di Siviglia, residente da circa trent’anni a Roma ha deciso di re-inventarsi una professione affrontando una nuova sfida come esaminatrice ed insegnante di lingua spagnola. Dal momento della sua venuta in Italia, aveva lavorato a lungo come restauratrice di opere pittoriche e lapidee presso varie ditte di restauro artistico della Capitale, ma poi la crisi ha fatto venire meno la sua fonte primaria di reddito; carattere dolce ma tenace, non si è data per vinta ed ha lavorato per diverso tempo nel settore della ristorazione e negli esercizi pubblici, presto rendendosi conto che questo non le assicurava una sufficiente continuità di reddito, essendo questi lavori spesso occasionali e soprattutto non corrispondenti alle proprie aspettative professionali. Ha svolto saltuariamente anche delle attività di traduzione e d’insegnamento privato senza però possedere  il necessario riconoscimento accademico.

Ha quindi colto l’occasione che le si presentava con Labirintus, il progetto finanziato dalla Regione Lazio, nato da una partnership tra ATDAL Over 40 e la Fondazione di Liegro e, mettendo a frutto quanto appreso in aula ed i consigli ricevuti durante il suo percorso di orientamento individuale, ha deciso di puntare sulla costruzione di  un nuovo profilo professionale ponendo al centro la sua conoscenza della lingua e cultura spagnola e di quella latino-americana.

Pur essendo madrelingua e diplomata presso un importante istituto di cultura spagnola ha dovuto rimettersi a studiare per acquisire le abilitazioni che le potessero consentire di lavorare come docente ed esaminatrice; questi corsi che le sono costati tempo, fatica e un piccolo investimento economico hanno però dato i loro frutti ed ora ha l’opportunità d’insegnare per un grande istituto formativo: l’UPTER.

Qual è stata la motivazione principale che ti ha portato a creare una tua impresa?

Ho avuto da sempre un particolare interesse e attenzione verso il mondo delle lettere e del linguaggio sia parlato che scritto. Questo in parte è dovuto alla mia formazione classica liceale, ma anche e soprattutto al piacere per la scrittura sia sotto forma di poesia che di prosa. Per tale motivo ho partecipato a dei corsi di scrittura creativa e ho anche vinto un concorso della provincia di  Roma che ha pubblicato un mio racconto.

Inoltre sono stata sempre attenta e incuriosita dal linguaggio colloquiale, che con le sue diversità idiomatiche ed i suoi dialetti, rende viva una lingua trasmettendone la cultura e rendendone più piacevole l’apprendimento. Questa mia personale passione per la lingua di Cervantes e per i suoi dialetti, è stata decisiva nella scelta della mia nuova attività lavorativa, che spero vedere crescere sempre nel tempo.

La mia nuova attività consiste nell’insegnamento della lingua spagnola rivolta a tutte quelle persone che abbiano un particolare interesse, sia culturale, lavorativo o di semplice curiosità per imparare l’idioma spagnolo. Nelle mie lezioni, non tratto aspetti puramente grammaticali, ma inserisco anche elementi di cultura generale ispanica, come musica, cinema, stili di vita, geografia ed storia, gastronomia ecc.

Quali sono le competenze precedentemente acquisite che ti sono state utili per la nuova attività?

Avevo già collaborato con varie agenzie di traduzione ed interpretariato sia come traduttrice di testi scritti sia per traduzioni simultanee e “chuchotage”  (una forma di interpretariato per piccoli gruppi) italiano/spagnolo, alternando  queste attività con l’insegnamento individuale / di gruppo.

Questo mi ha permesso di partecipare con successo a dei corsi informatici, organizzati dall’Istituto Cervantes di Roma, conseguendo i titoli di esaminatrice dei livelli “Dele A/B” della lingua spagnola; in autunno potrò finalizzare la mia formazione come esaminatrice al superiore livello “Dele C” che mi consentirà di avere ancora maggiori opportunità di lavoro.

A seguito di queste mie abilitazioni ho già avuto il piacere di collaborare professionalmente come esaminatrice della lingua spagnola nelle convocazioni dello scorso maggio 2014 degli esami presso il complesso scolastico Seraphicum di Roma.

Quali,  per quanto riguarda la tua attuale  esperienza, i fattori di successo della tua attività : quali sono le cose che rifaresti e quali invece, le cose da migliorare ?

I fattori di successo della mia attività, oltre alla innata potenzialità, sono la perseveranza negli obiettivi, la capacità di azione e dedizione. Inoltre è di grande importanza, la partecipazione a corsi di aggiornamento nel settore specifico che consentono di arricchire il proprio bagaglio, sia a quelli per l’acquisizione delle competenze “trasversali” come Labirintus. Non dobbiamo aver paura di apprendere ma, al contrario, mantenere una sincera curiosità per le novità, unitamente ad un sano spirito critico, il che ci permette di stare al passo coi tempi e di migliorare.

Sicuramente c’è ancora da lavorare sulle capacità relazionali, le cosiddette “public relations” o come si direbbe in epoca di social network il “self branding”, evitando, attraverso un continuo confronto di idee e contatto con gli altri, l’isolamento che comporta il rinchiudersi in se stessi cadendo in un circolo vizioso alimentato dalla mancanza di stimoli esterni e di autostima.

Qual è stato il ruolo che ha avuto Atdal Over 40 nel  supportare la tua iniziativa?

I formatori e tutors di ATDAL over 40, con i quali si è consolidato anche un clima di amicizia, sono stati decisivi nel seguire passo dopo passo la mia iniziativa, e nel sostenermi con indicazioni e consigli che mi hanno portato ad intraprendere un nuovo percorso e ad investire su me stessa; in questo senso l’Associazione  è stata importante nella presa di consapevolezza di quali fossero le mie capacità e nella valorizzazione delle mie potenzialità.

Sono riusciti a mettere a fuoco aspetti della mia personalità  che sarebbero rimasti in ombra e che non avrei potuto individuare da sola,  per mancanza di stimoli o di motivazioni in un contesto dove ci si sente spesso da soli o privi delle forze necessarie per affrontare il mondo del precariato over 40.  E’ stato inoltre utilissimo il continuo aggiornamento e la comunicazione, sia in presenza attraverso vari corsi, che attraverso il web, e-mail, newsletter ecc.

Quali progetti hai in serbo nel prossimo futuro?  

Il mio nuovo progetto come insegnante di spagnolo, avrà luogo a partire dal 22 settembre 2014 nella sede dell’Associazione culturale “Attività di pensiero” in Viale Manlio Gelsomini, 32, e si tratterà di un corso di spagnolo base di 15 lezioni che si terranno una volta a settimana.

La struttura del corso prevede l’apprendimento delle basi della lingua spagnola per potere affrontare le situazioni quotidiane indispensabili, con l’uso di metodi innovativi come il Karaoke.

Il corso, al quale dò appuntamento a tutti i soci ATDAL Over 40, è anche pubblicato nell’elenco annuale dell’Università Popolare UPTER.

(*)  Intervista di  Aurelio De Laurentiis

Articoli Correlati

Tags

Condividi

1 Commento

  1. Marco

    Ciao a tutti vedo veramente che fate tanto ma come posso parlare con qualcuno di lavoro Grazie

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *