FAVOLE IN CUCINA IN PARTENZA!

FAVOLE IN CUCINA IN PARTENZA!

 

Il 20 febbraio 2020, data ultima per presentare domanda d’iscrizione al progetto, si è svolto un incontro informativo presso il ristorante “La Cicala e la Formica” (Via Leonina 17 – Roma, vicino alla fermata Metro B Cavour) hanno partecipato “nonne”  WhatsApp Image 2020-02-24 at 19.03.20 e  giovani. WhatsApp Image 2020-02-24 at 19.03.21 (2)

Per l’associazione erano presenti il responsabile del progetto Dario Paoletti ed il presidente Walter Deitinger, che assieme al  titolare Andrea Savini Zangrandi hanno risposto alle tante domande delle candidate e dei candidati: come si svolgeranno le selezioni, come verranno formate le coppie e come verranno assegnate le giornate in calendario, quali e quante ricette le signore dovranno preparare, chi acquisterà gli ingredienti necessari ecc.

WhatsApp Image 2020-02-24 at 19.03.21

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

Al via il nuovo progetto Favole in Cucina!

Al via il nuovo progetto  Favole in Cucina!

Ricette e ricordi delle nonne

La nostra associazione  ha avviato la fase di selezione per la partecipazione al Progetto “Favole in Cucina: Ricette e Ricordi delle Nonne”, ammesso a contributo con determina dirigenziale G18161 del 20 dicembre 2019, nell’ambito dell’Avviso Pubblico DGR 295/2019 “Valorizzazione delle politiche attive a favore degli anziani – promozione del benessere e dell’invecchiamento attivo delle persone anziane” della Regione Lazio  – Direzione Regionale per l’Inclusione Sociale – Area Welfare di Comunità ed Innovazione Sociale.

“Favole in cucina” si propone di recuperare e valorizzare ricette antiche o poco conosciute della nostra tradizione culinaria e le storie ad esse collegate,  un prezioso patrimonio che le “Nonne” desiderano trasmettere ai “Giovani”.

Il percorso formativo prevede 5 incontri  di tre ore ciascuno, per ogni edizione del corso, presso il ristorante La Cicala e la Formica cicala-la-formica-ristorante-monti-sconto-540_1 (Via Leonina 17 – Roma), dove i Giovani apprenderanno le ricette direttamente dalle Nonne con l’aiuto di un facilitatore e l’assistenza di un cuoco professionista. Gli incontri saranno 5 con una durata di circa 3 ore ciascuno, una volta a settimana. Per ogni partecipante è previsto un rimborso spese.

Cerchiamo:

  • 10 Signore con età  di almeno 65 anni, con la passione per la cucina e la voglia di insegnare ai giovani

  • 10 Giovani (m/f) tra i 18 ed i 29 anni interessati ad imparare la cucina tradizionale, anche come opportunità di occupazione

165035134-fb690cda-6e07-481b-8328-218fd1d14f72

 

In questa sezione potete scaricare:

depositphotos_156536558-stock-video-cooking-class-with-two-female

 

 

 

 

 

 

Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro e non oltre il 20 febbraio 2020

 Per informazioni e’  possibile rivolgersi anche al ristorante La Cicala e La Formica Via Leonina 17 dopo le 10 (domenica escluso)

Regionelazio

con il contributo della Regione Lazio

cicala

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

BRINDISI NATALIZIO 2019

BRINDISI NATALIZIO 2019

 GRAZIE PER ESSERE STATI CON NOI!

 AuguriAtdal-min

(nella foto, da sinistra in piedi: Andrea Cangelli, Silvia Brandolin, Dario Paoletti, Alessandro Giovannangeli, Pietro Masia, Nicola Fasciano, Marco Noferini, Maria Federica Rossi, Giovanni Giusti, Massimo Cantelmi, Cristina Buschi, Pamela D’Offizi e Viorela Secere; da sinistra, seduti: Alessia Spinazzola, Walter Deitinger, Rita Cioce e Salvatore Santagati)

Anche quest’anno ci siamo ritrovati per il nostro tradizionale Brindisi Natalizio: eh già, ormai è diventata una bella tradizione per l’Associazione condividere del tempo insieme a voi! E vedervi così numerosi è stato davvero un piacere…

Il 20 dicembre siamo stati ospiti del Ristorante “da Enrico” in via Michele di Lando 28/36 a Roma: un luogo accogliente, familiare e dalla cucina “come una volta”, che ci ha servito un  gustoso buffet a base di  bruschette, affettati e fritti accompagnati da un fresco prosecco.

Come ogni anno è stata l’occasione per rivedere amici di lunga data e conoscere nuovi amici, fare un bilancio dei risultati sin qui raggiunti e progettare attività future con scambi costruttivi di idee. L’Associazione è in continuo movimento, in costante crescita , pronta ad accogliere chiunque si rivolga a noi e di questo siamo orgogliosi!

Il nostro obiettivo per l’Anno Nuovo è aumentare il numero degli iscritti, pur consapevoli che questo indicatore non è il solo che misuri la crescita, l’efficienza e l’efficacia della nostra Associazione, e che in Atdal Over 40 c’è molto altro.

Stiamo cercando di  migliorare la diffusione e la condivisione delle informazioni attraverso la Newsletter e la pagina Facebook che vi invitiamo a far conoscere. I nostri messaggi ed iniziative attraverso il passaparola possono arrivare ad altre persone che hanno bisogno ed aiutarle, e di questo vi ringraziamo anticipatamente. Grazie per la fiducia!

La foto che ci ritrae è stato il momento più divertente dell’incontro, chi ce l’ha scattata ha esclamato con un gran sorriso: “Che bella famiglia che siete!” ed è seguito un sentito e spontaneo applauso…. Buone Feste da Atdal Over 40.

 

 

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

L’invecchiamento: sfide e opportunità per la società di domani

L’invecchiamento: sfide e opportunità per la società di domani

Il 25 ed il 26 settembre 2019 a Rimini si è svolto il convegno “L’invecchiamento: sfide e opportunità per la società di domani” organizzato da Uneba (Unione Nazionale di Istituzioni  ed Iniziative di Assistenza sociale), al quale ha partecipato per noi il socio Dario Paoletti.

Quello che è emerso in modo chiaro è che l’invecchiamento attivo previene molte forme di disagio mentale e fisico. La solitudine uccide molto più delle patologie dovute all’anzianità, la vita buona è quella nella quale si costruisce un progetto per sé stessi che dura tutta la vita. Anche il pensionamento – se solo subìto – può essere causa di demotivazione, sofferenza e poi anche di malattie, fino ad arrivare al suicidio.Uneba1

Interessanti riflessioni sono state  fatte anche riguardo ai cambiamenti economici e sociali di questi ultimi anni. Airbnb ed Amazon stanno distruggendo la rete sociale e commerciale dei centri cittadini più  piccoli e gli anziani restano sempre più soli. Al contrario iniziative come il cohousing e i “Caffé Alzheimer” aiutano la socializzazione.

Di seguito riportiamo alcune fotografie e resoconti tratti dalla pagina del sito internet di Uneba dedicata al convegno:

“Non siamo qui per chiederci come siamo, ma per cercare risposte alle sfide del futuro”, ha spiegato Fabio Cavicchi, presidente di Uneba Emilia Romagna.  Le sfide per la società di domani – ha detto poi il presidente nazionale Uneba Franco Massi in riferimento al titolo del convegno – riguardano le istituzioni pubbliche; riguardano gli enti come quelli Uneba, che hanno bisogno ogni tanto di fermarsi e pensare al futuro; riguardano gli operatori, perché senza di loro che garantiscono la qualità del servizio, non si fa nulla. Le sfide, a livello territoriale, stanno nel costruire servizi sempre più in rete. Ed introdurre novità che meglio si adattino alle esigenze delle persone”.

“Noi enti dobbiamo essere capaci di intercettare i bisogni del territorio, anche quelli che restano inespressi, diversificando i servizi che offriamo”, ha sottolineato don Vincenzo Barbante , presidente della Fondazione Don Gnocchi. “Dobbiamo declinare la parola ‘cura’ secondo 4 prospettive: verso l’ospite; verso l’operatore, che non è solo strumento per il fine, ma anche protagonista di un percorso, e deve essere messo in condizione di poterlo fare; verso le famiglie; e verso i volontari”.

Marco Trabucchi, presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria, ha sottolineato l’importanza della convivialità e dello stare insieme nel garantire una vita di qualità e salute, mentre al contrario la solitudine aumenta la mortalità e il rischio demenza. Ha poi evidenziato l’attenzione solidaristica con sviluppo di cohousing in varie forme, la riduzione del 30% negli ultimi 20 anni dei sucidi degli anziani. Ha concluso con un augurio al suo uditorio: “la relazione d’amore e il lavoro di assistenza siano una strada per ringiovanire i cuori inariditi”.Uneba2

“Accompagnare il passaggio – Al cuore del legame generazionale” è stato il titolo della relazione di Vittorio Cigoli, presidente della Scuola di Psicoterapia Integrata, coorganizzatore del convegno. “I momenti di passaggio – ha sottolineato Cigoli- sono tutti fonti di salute o al contrario di grave malattia: il passaggio che avviene all’entrata in un servizio (es l’ingresso in centro servizi per anziani) è cruciale. Serve un vero rito di passaggio per controbilanciare l’angoscia della perdita, perché  altrimenti gli effetti negativi ricadono anche sulle generazioni successive”.

Marco Del Riccio e Lorenzo Blandi hanno presentato il progetto “Virtual hospital, tra ospedale, territorio e casa: innovazione organizzativa e tecnologica attraverso nuovi percorsi di cura e di assistenza”.

Con la concretezza dei numeri Antonio Sebastiano dell’Osservatorio Rsa della Liuc ha dipinto un quadro non roseo: in cui, ad esempio, è destinato a diminuire il numero di caregiver informali (donne e uomini che si prendono cura dei loro genitori anziani, dei loro fratelli con disabilità…) E si rischiano situazioni di pesanti difficoltà delle famiglie nel sostenere le spese per la compartecipazione ai servizi, specie quelli residenziali.

“Dobbiamo garantire che si possa vivere più a lungo senza che la vecchiaia diventi un dramma, anziché un’opportunità. Dobbiamo estendere la quantità dei servizi che offriamo, perché i bisogni aumentano, ma senza abbassare la qualità”. Questo l’obbiettivo per la sanità e il sociosanitario del domani delineato dal presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, ospite al convegno Uneba.  “Il pubblico in futuro potrà gestire di meno e controllare di più. E possiamo pensare di rivedere il sistema di accreditamento per garantire che la verifica non sia coercitiva, ma una misurazione della qualità, e che dove c’è qualità tu la vada a premiare”.

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

La nostra Newsletter per Aurelio

La nostra Newsletter per Aurelio

Gentili Socie, cari Soci e Simpatizzanti di Atdal Over 40,
Aure;io

 dedichiamo la nostra prima Newsletter dopo la pausa estiva ad Aurelio De Laurentiis, e nel presentarla siamo lieti di poter dire che è un numero speciale, non una commemorazione.  Questa Newsletter vuol essere la testimonianza VIVA di un amico, delle sue idee e della sua ricchezza,  fatta di atti e parole. Ogni vostro commento sarà benvenuto.

 Cliccate su questo link per scaricare la Newsletter e ….. buona lettura !                                                                                                   

La Redazione

 

 (nella foto un particolare del ritratto di Aurelio – cfr. pag. 12 della NL)

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

ATDAL OVER 40 HA PARTECIPATO ALL’EDIZIONE 2019 DELLA RASSEGNA “IL FUTURO CHE VORREMMO”

ATDAL OVER 40 HA PARTECIPATO ALL’EDIZIONE 2019 DELLA RASSEGNA “IL FUTURO CHE VORREMMO”

Sabato 7 settembre 2019, nella sala “Innovation Lab” del Castello di Santa Severa si è svolta l’edizione 2019 della Rassegna “Il futuro che vorremmo, in dialogo con le istituzioni e con il territorio: la parola ai protagonisti”.FOTO PRINCIPALE CASTELLO-min

Argomenti della giornata:
– Misure di contrasto alla povertà e rigenerazione umana, mettendo in gioco risorse pubbliche, private e terzo settore;
– Laboratori per un percorso virtuoso di riqualificazione professionale e progetto di ricerca attiva del lavoro, in un momento storico di trasformazione con un mercato globalizzato, basato sulle comunicazioni digitali, nuovi modelli organizzativi e tecnologie particolarmente innovative;
– Le diverse abilità come risorsa collettiva da sviluppare e coinvolgere con l’attenzione e la valorizzazione delle competenze e delle specificità individuali, con un forte richiamo alla
normativa di riferimento e alla Responsabilità Sociale d’Impresa;
– La cura della “casa comune”, in particolare, la costa, i luoghi della vita quotidiana, lavoro e svago, come “motore” di sviluppo ecosostenibile.

L’evento è stato organizzato dalla Pro Loco di Santa Severa col patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Santa Marinella con l’obiettivo di stimolare lo sviluppo economico, turistico, occupazionale e culturale, e la valorizzazione del territorio. Nella sessione pomeridiana sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore regionale al Lavoro Claudio Di Berardino ed il presidente di ANPAL Domenico Parisi. Ha moderato l’incontro l’ing. Massimo Cantelmi.

Il presidente di Atdal Over 40 ha presentato l’associazione ed ha illustrato il nostro punto di vista sulla “buona formazione”, esponendo un caso concreto di corsi organizzati da un’azienda e finalizzati all’assunzione dei partecipanti.

Link utili:

Slides della presentazione di Atdal Over 40

Documento Atdal Over 40 “Quale formazione ?”

Sintesi della sessione pomeridiana

Alcune slides dell’intervento di ANPAL

Presentazione “Energy Manager ed Esperto Gestione Energia”

Presentazione di Massimo Cantelmi

Presentazione di Simone Lopalco

(si ringrazia Ilaria Di Nardo per le foto)

DSC_3574-minDSC_3565-minDSC_3557-minDSC_3548-min

DSC_3577-min

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi