Risultati assemblee associative 2016

Risultati assemblee associative 2016

ELETTO IL DIRETTIVO PER IL TRIENNIO 2016/2018 : ECCO I NOMI !

Per statuto l’associazione è amministrata dal comitato direttivo, i cui membri sono eletti dalle assemblee ordinarie dei soci per un triennio, e consta di 12 consiglieri di cui 6 eletti dall’assemblea per il centro nord e 6 eletti dall’assemblea per il centro sud. Nella prima riunione utile dopo quella dell’assemblea che li ha eletti, i consiglieri provvedono ad attribuire al loro interno le cariche sociali di presidente, vice presidente e tesoriere. Dopo le assemblee di Roma (11 maggio) e di Milano (27 maggio), e dopo le riunioni di direttivo a Milano (sempre il 27 maggio) e a Roma (oggi 7 giugno), il comitato direttivo in carica per il triennio 2016 – 2018 è composto come segue:

Membri eletti per il Centro Sud:

Walter Deitinger – Presidente
Livia De Stefano
Nicola Fasciano

Dario Paoletti

Daniela Savoia
Alessia Spinazzola – Tesoriera

Membri eletti per il Centro Nord:

Giovanni Laratta

Samantha Manella – Vice Presidente
Claudio Pozza

Antonio Succi
Calogero Suriano

 

L’anno prossimo l’assemblea dei soci del centro nord avrà facoltà di completare il direttivo eleggendone il sesto componente, per il quale il 27 maggio non è stata individuata idonea candidatura. Potranno altresì eleggere un membro del collegio dei probiviri, che si è ridotto a due membri a seguito del “passaggio” di Daniela Savoia a membro del direttivo.

 A nome dell’Associazione, ai consiglieri che sono stati confermati ed a quelli di nuova nomina, così come ai consiglieri uscenti che non si sono ricandidati (Armando Rinaldi e Paola Lunghi a Milano, Corrado Cutrufo, Raffaella D’Alessandro e Marco Noferini a Roma) diciamo “GRAZIE!” ed il nostro più affettuoso e cordiale “IN BOCCA AL LUPO!” per il futuro.

 

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

ATDAL OVER 40 aderisce alla “XII Settimana d’Azione contro il Razzismo”

La nostra Associazione – iscritta al n. 257 del Registro UNAR degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni – aderisce alla  XII Settimana di azione contro il razzismo organizzata dal 14 al 21 marzo 2016 dall’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali in molte città italiane,  in occasione della Giornata Mondiale contro il razzismo che si celebra il 21 marzo.

Anche quest’anno la campagna nazionale prosegue all’insegna dello slogan “Accendi la mente, spegni i pregiudizi”. L’invito è ad aprirsi all’altro, imparare a conoscersi per superare le paure ed i pregiudizi che causano discriminazioni e violenze. L’obiettivo della Settimana è dunque quello di promuovere opportunità di socializzazione e di riflessione per sensibilizzare l’opinione pubblica sui valori del dialogo interculturale e della ricchezza derivante da una società multietnica, aperta ed inclusiva.LOGO-SETTIMANA-MEDIO

Se rappresenti un ente locale, una scuola, un’associazione aderisci anche Tu ! Invia una mail a settimanacontroilrazzismo2016@unar.it con le informazioni relative alla Tua iniziativa, che sarà inserita nel programma della Settimana pubblicato sul sito UNAR. Ti verranno forniti il logo e il banner della campagna che potrai utilizzare sul materiale informativo dell’evento. Le iniziative dovranno essere realizzate dal 14 al 21 marzo 2016 e potranno prevedere il coinvolgimento di cittadini, scuole, associazioni, comunità straniere, realizzando occasioni di dialogo interculturale, informazione e dibattito, favorendo il superamento degli stereotipi legati a razza ed etnia. Info e programma su http://www.unar.it/unar/portal/?page_id=1976

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

DUE LIBRI E DUE AUTORI A CONFRONTO

“NON HO L’ETA’ ”

(qui troverete la sintesi degli interventi)

(in fondo all’articolo troverete i video degli interventi)

Mercoledì 20 gennaio 2016, dalle ore 17,30 alle ore 19,30 presso la sala conferenze del Cinecircolo Romano in Roma, via Nomentana 333/c, l’Associazione ATDAL OVER 40 Vi invita all’incontro sul tema:

“NON HO L’ETA’ ” – DUE LIBRI E DUE AUTORI A CONFRONTO

SUL LAVORO, LA PRECARIETA’ E LA DISOCCUPAZIONE IN ETA’ MATURA

Untitled1 Gli Autori di due opere per le quali hanno scelto lo stesso titolo – pubblicate ad anni di distanza l’una dall’altra – si confrontano con gli   esperti e le persone le cui testimonianze hanno raccolto, sui grandi temi del lavoro, della precarietà e della disoccupazione in età matura nel nostro Paese. Untitled2

PROGRAMMA

Ore 17,00 – Registrazione dei partecipanti

Ore 17,30 – Saluti di benvenuto

Pietro Murchio – Presidente del Cinecircolo Romano

Walter Deitinger – Presidente di ATDAL Over 40

 

Interventi di:

Loris Campetti – autore del libro “Non ho l’età” (ed. Manni, 2015)

Gloria Salvatori – già dipendente Eutelia, intervistata nel libro di Loris Campetti

Stefano Giusti – autore del libro “Non ho l’età” (ed. Ilmiolibro.it, 2008)

Marco Noferini – già dipendente Tecnoindex, intervistato nel libro di Stefano Giusti

Aurelio De Laurentiis – esperto di invecchiamento attivo e problematiche del lavoro

Ore 19,00 – Dibattito

Ore 19,30 – Conclusioni

Modera i lavori Alessandra di Pietro, giornalista e saggista.

I posti sono limitati. L’ingresso è gratuito e sarà garantito soltanto a chi comunichi la propria partecipazione all’evento a: infolazio@atdal.it, e riceva conferma via e-mail dall’Associazione ATDAL Over 40 entro martedì 19 gennaio 2016.

Cliccare qui per scaricare l’invito

*****

“Non ho l’età” (Manni Editori, 2015) di Loris Campetti è un’inchiesta diretta su un aspetto di solito non indagato della disoccupazione in Italia: si tratta questa volta non degli spazi chiusi ai giovani, ingabbiati in generale nel precariato, ma di quel che accade a chi perde il lavoro in età avanzata, dopo anni di mestiere con una professionalità compiuta. Per una recensione: http://goo.gl/2Q1s4R

Il 12 dicembre 2015 nella trasmissione RAI Tre “Pane Quotidiano” condotta da Concita de Gregorio, è stata presentata l’opera ed è stato intervistato l’Autore insieme ad una ex dipendente Eutelia la cui testimonianza è stata raccolta nel libro. Cliccate sul link al video della puntata e …. buona visione !

Untitled2

*****

Untitled1

Come Associazione siamo ben orgogliosi di ricordare che in Italia il primo libro dal titolo “Non ho l’età” è stato pubblicato nel 2008 dall’amico e socio Stefano Giusti. “Un libro-inchiesta sulla difficile situazione dei disoccupati over 40. L’analisi di un fenomeno che in Italia investe circa un milione di persone e che viene sistematicamente ignorato da politici, istituzioni e mass media. Accanto a statistiche e analisi, alcune storie raccontate da chi ha vissuto in prima persona questo dramma” (dalla 4a di copertina). V’invitiamo a leggere online le prime 20 pagine del libro cliccando sul seguente link:

http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/saggistica/14747/non-ho-let

Se lo desiderate tramite questo link potrete acquistare una copia del libro. Buona lettura !

*****

VIDEO DEGLI INTERVENTI

Interventi introduttivi di:

Walter Deitinger – Presidente di ATDAL Over 40

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

(Cliccare qui per scaricare le slides)

Alessandra di Pietro, giornalista e saggista, moderatrice dell’incontro

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

 

Interventi di:

Loris Campetti – autore del libro “Non ho l’età” (ed. Manni, 2015)

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

Gloria Salvatori – già dipendente Eutelia, intervistata nel libro di L. Campetti

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

Stefano Giusti – autore del libro “Non ho l’età” (ed. Ilmiolibro.it, 2008)

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

Marco Noferini – già dipendente Tecnoindex, intervistato nel libro di S. Giusti

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

 

W. Deitinger, S. Giusti e L. Campetti rispondono alle domande del pubblico:

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

 

Aurelio De Laurentiis – esperto di invecchiamento attivo e problematiche del lavoro

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

 

Conclusioni:

Walter Deitinger – Alessandra di Pietro

(Cliccare qui per scaricare il filmato)

 

 

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

DISCRIMINAZIONE PER ETA’ ? ADESSO BASTA !

DISCRIMINAZIONE PER ETA’ ? ADESSO BASTA !

Un nuovo servizio di ATDAL Over 40 per promuovere le pari opportunità nell’accesso al lavoro

Volevate candidarvi per una posizione di lavoro o per un concorso pubblico, ma l’annuncio o il bando conteneva limiti di età ? Da oggi la nostra Associazione, iscritta al n. 257 del Registro UNAR degli enti che svolgono attività nel campo della lotta alle discriminazioni, mette a disposizione di tutti un nuovo strumento finalizzato a promuovere le pari opportunità nell’accesso al lavoro. Scaricate questo modulo, compilatelo ed inviatelo via mail a: pariopportunita@atdal.euDiscriminazione

Saranno prese in considerazione anche discriminazioni basate su fattori diversi dall’età (come ad esempio il genere maschile o femminile, la disabilità o l’etnia di appartenenza). Inizialmente il servizio è attivo solo per chi ci scrive dal Centro Sud; in una fase successiva potrà essere esteso a chi è domiciliato nel resto d’Italia.

Grazie all’intervento di ATDAL Over 40 sono già stati cancellati o modificati diversi annunci contenenti limiti di età illegittimi.

Clicca qui per visualizzare un annuncio cancellato il 28.9.2015

Clicca qui per visualizzare un avviso di selezione modificato il 6.4.2016

Clicca qui per visualizzare un annuncio rimosso il 6.8.2016

    Avvertenze importanti – da leggere prima della compilazione:

Il modulo:

  1. può essere utilizzato soltanto per segnalazioni di SINGOLI atti o fatti, e NON per situazioni complesse o protratte nel tempo;
  2. contiene i dati necessari ad ATDAL Over 40 per valutare se una determinata situazione (ad es. un annuncio per  ricerca di personale pubblicato su internet, diffuso via mail oppure sulla stampa, un bando di concorso, una dichiarazione verbale o scritta, un comportamento oppure un’omissione ecc.) costituisca una violazione delle norme sulle pari opportunità nell’accesso al lavoro;
  3. non comporta alcun obbligo o responsabilità per ATDAL Over 40;
  4. potrà essere utilizzato da ATDAL Over 40 per la segnalazione dei fatti ivi descritti all’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni – Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità) e/o ad altre competenti autorità;
  5. al di fuori dei casi previsti al punto 4, non verrà comunicato a soggetti estranei ad ATDAL Over 40, e sarà archiviato ed utilizzato da ATDAL Over 40 in forma aggregata per fini statistici, di ricerca e di studio delle discriminazioni sul lavoro.

L’idea di offrire questo servizio nasce dalla partecipazione di ATDAL Over 40 ad un corso di formazione organizzato nel 2015 dallUNAR, condotto da Paolo Ferrari da Passano, responsabile del Contact Center UNAR e coordinatore del gruppo per la gestione delle segnalazioni di atti di discriminazione, insieme alla psicologa e psicoterapeuta Gerardina Santosuosso e ad altri professionisti. Abbiamo approfondito la discriminazione razziale, religiosa, per identità di genere, orientamento sessuale, istituzionale, per disabilità, nei mass-media, web e social networks e soprattutto la discriminazione per età.

Quante volte leggendo annunci di lavoro incontriamo limiti d’età per lavori che potremmo svolgere, e avvertiamo un senso di disagio e rabbia perché ci sentiamo esclusi a priori pur avendo competenze e professionalità acquisite negli anni ? La discriminazione è una realtà quotidiana, ognuno di noi almeno una volta ne è stato vittima ma possiamo COMBATTERLA.

Una conferma recente è stata data proprio dalla Corte d’Appello di Milano – Sezione Lavoro, che con sentenza n. 579 del 20 maggio 2016  – ribaltando la decisione del giudice di primo grado che aveva dato torto ad una candidata – ha stabilito  che si ha il diritto di escludere una persona da una selezione soltanto se un determinato requisito richiesto dal datore di lavoro è “essenziale e determinante” per lo svolgimento del lavoro offerto.  Il caso esaminato (per info: http://goo.gl/pxvcQZ)  riguardava una discriminazione per motivi di fede religiosa ma attenzione ……. anche i limiti di età negli annunci di lavoro sono soggetti a questa regola ! Ciò significa che un’azienda può escludere un candidato solo se il non superare una certa età (35, 40, 45 anni ecc.) è “essenziale e determinante” per svolgere lo specifico lavoro offerto.

 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

Assemblee associative 2015

Si avvisano tutti i soci che le assemblee associative avverranno con le seguenti modalità:

Per il Centro Sud: venerdì 15 maggio 2015 alle ore 15,30, presso la Fondazione Don Luigi di Liegro, Via Ostiense 106, Roma.

Scarica qui la convocazione

Per il Centro Nord: mercoledì 27 maggio alle ore 21:00, presso la Casa Rossa, Via Monte Lungo 2, Milano

Scarica qui la convocazione 

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi

Audizione presso la Commissione Lavoro del Senato

ROMA 25 MARZO 2015:  ATDAL OVER40 IN AUDIZIONE AL SENATO
La nostra Associazione è stata invitata in audizione presso la XI Commissione Lavoro e Previdenza Sociale del Senato della Repubblica. Nel documento di convocazione la Commissione ci convocava richiedendoci di esprimere un giudizio in merito ai seguenti Disegni di Legge:
1)   DDL 1148  “Istituzione del Reddito di Cittadinanza e del Salario Minimo Orario (SMO)”, DDL presentato dal Movimento 5 Stelle (M5S).
2) DDL 1670 , “Istituzione del Reddito Minimo Garantito (RMG)”, DDL presentato da Sinistra, Ecologia e Libertà (SEL).
3)   DDL 1697 , “Istituzione del Salario Minimo Orario (SMO), DDL presentato dal Movimento 5 Stelle (M5S).
La delegazione Atdal Over40 era composta da: Presidente Walter Deitinger, la Tesoriera Alessia Spinazzola, la Consigliera Raffaella D’Alessandro, il Socio Fondatore Armando Rinaldi. Presenti all’audizione una quindicina di Senatori e i rappresentanti di un’Associazione per la Tutela delle Famiglie, anch’essa convocata in audizione.
In apertura dell’incontro il nostro Presidente è stato invitato ad intervenire esprimendo in modo sintetico le nostre considerazioni in merito ai DDL oggetto dell’incontro. E’ poi stata data la parola a Rinaldi Armando che ha integrato alcuni punti della nostra riflessione. Sintetizziamo di seguito le nostre prese di posizione.
Abbiamo espresso un giudizio positivo sull’intenzione di istituire anche in Italia di una forma di reddito minimo garantito (RMG) in linea con quanto avviene nel resto d’Europa.
Abbiamo però rilevato la sostanziale incoerenza tra il principio stesso alla base dell’istituto del RMG, strumento di sostegno al reddito universale e individuale, come peraltro precisato anche nelle introduzioni ai DDL 1148 e 1670, e gli articoli che definiscono il corpo delle Leggi proposte.
– In particolare, i due DDL subordinano accesso e mantenimento del RMG alla disponibilità del singolo ad attivarsi per ottenere una occupazione. A nostro avviso, in totale accordo con la rete europea per il RMG de nominata BIN (Basic Income Network) alla quale aderiamo, questo approccio confonde RMG e Indennità di Disoccupazione (IdD). I due Istituti sono diversi in termini quantitativi e qualitativi. In un caso (RMG) parliamo di valori attorno ai 600-800 euro mensili, nell’altro (IdD), la prassi europea fissa il contributo mensile attorno al 60-80% dell’ultimo salario percepito e condiziona il beneficio alla disponibilità ad accettare una proposta di lavoro professionalmente adeguata e con una retribuzione vicina al livello dell’ultimo salario percepito. Dopo tre rifiuti di proposte di lavoro con tali caratteristiche si perde il diritto all’IdC, non al RMG.
– Inoltre, nei due DDL, la concessione del RMG garantito è subordinata al reddito del nucleo famigliare in contrasto con uno dei principi di questo Istituto che è quello della Individualità. Secondo questa interpretazione configura le due proposte di legge più come strumenti di sostegno alle Famiglie in difficoltà, una misura certamente importante e condivisibile ma che ha poco a che vedere con il RMG.

Abbiamo espresso una valutazione positiva sulle proposte del DDL 1148 di costituzione di un Osservatorio Nazionale sul Mercato del Lavoro e di una Struttura Informativa Centralizzata nella quale confluisca la storia professionale, i percorsi formativi, ecc. di ogni cittadino in età lavorativa.
Critico invece il nostro giudizio sull’impianto normativo proposto dal DDL 1148 per l’attuazione e la verifica delle misure proposte che individua negli Enti Locali, nei Centri per l’Impiego CpI) e, in subordine, nelle Agenzie per il Lavoro (ApL), i principali referenti a garanzia del funzionamento della normativa. Sappiamo per esperienza diretta gli attuali grandi limiti del CpI e ancor peggio delle ApL e abbiamo seri dubbi che possano offrire tali garanzie. La nostra proposta è quella di un coinvolgimento del mondo delle associazioni di volontariato del settore, in collaborazione con enti universitari. Su questo punto il DDL 1670 semplifica notevolmente le procedure per l’attuazione della legge proposta.
Un rilievo molto critico al DDL 1148 riguarda il capitolo che tratta delle coperture finanziarie laddove, tra le tante voci elencate, si trova la proposta di istituzione di un contributo di solidarietà sulle pensioni in essere che superino di 6 volte l’importo lordo della pensione minima. Una proposta in linea con le posizioni del Prof. Tito Boeri, sostenitore da sempre delle riforme previdenziali (inclusa la Riforma Fornero) che hanno gettato nella disperazione centinaia di migliaia di disoccupati maturi nonché sostenitore di quella flessibilità che ha prodotto generazioni di precari senza futuro. Sulle idee di Boeri ci siamo espressi più volte e non possiamo che ribadire la nostra totale opposizione alla proposta contenuta nel DDL 1148.
Il Dibattito
Hanno replicato alle nostre posizioni i Senatori Nunzia Catalfo (M5s) e Giovanni Barozzino (SEL). La rappresentante M5S ha svolto un intervento piuttosto duro nei nostri confronti dando in parte l’impressione di non avere compreso appieno le nostre posizioni ma forse anche di interpretare i nostri interventi come un attacco al M5S, cosa che non è mai stata nelle nostre intenzioni. Nel merito è comunque emersa la distanza tra il nostro modo di concepire il RMG e quella degli estensori del DDL 1148.
Il rappresentante di SEL ha usato toni meno accorati offrendo una disponibilità ad approfondire il confronto con la nostra Associazione.
La Senatrice Anna Maria Parenti (PD), relatrice incaricata dei tre DDL, ha fatto un breve intervento offrendo anche lei una apertura per altri momenti di confronto.
Atdal ha potuto controreplicare e il nostro intervento si è concentrato sulle prese di posizione del M5S ripercorrendo con durezza la storia della disoccupazione in età matura, i mancati interventi legislativi a sostegno di questa categoria di disoccupati la cui condizione è ben nota alla Commissione Lavoro del Senato dal lontano 2004 e cogliendo anche l’occasione per sottolineare la persistente discriminazione degli over40 nelle offerte di lavoro, discriminazione presente anche nei bandi di gara della Camera e del Senato.
Conclusa la seduta abbiamo avuto dei brevi colloqui individuali, con le due Senatrici del M5S, con il Senatore di SEL e la Senatrice del PD ognuno dei quali ci ha proposto di approfondire i contatti e il confronto.

Relazione di Atdal Over 40  sui tre DDL lasciata a disposizione della Commissione.

read more

Articoli Correlati

Tags

Condividi